Quanto è organizzato il tuo team di lavoro?
time-management-procrastinazione

Time Management e procrastinazione: come recuperare il tempo perso

time-management-procrastinazione
time-management-procrastinazione

Se stai ancora lottando contro la procrastinazione, è arrivata l’ora di mettere in pratica delle soluzioni per il corretto time management e di imparare a organizzare meglio le tue giornate e recuperare il tempo perso. Se hai capito che non vuoi farti frenare dalle tue paure è ora di rimboccarsi le maniche.

Ho raccolto 5 tecniche per non procrastinare, da me testate. Fammi sapere se funzionano anche per te!

Time management sin dal risveglio con una routine energizzante!

Hai presente quelle mattine in cui suona la sveglia ma la spegni 6 volte e ti rigiri dall’altra parte? Oppure prendi il telefono quando sei ancora sotto le coperte e inizi a farti i fatti di tutto il web?
In quelle mattine, parte della tua energia e della tua voglia di fare, si sono già esaurite.

Mi è capitato spesso di alzarmi e non avere già più voglia di affrontare la giornata e ovviamente avevo creato il terreno fertile per procrastinare e rimandare tutte le peggiori attività che non avevo voglia di fare.

Poi ho deciso che questa cosa doveva avere fine e ho modificato le mie routine del mattino: ci metto pochi minuti per scendere dal letto e non accendo lo smartphone per nessuna ragione al mondo.

La mia giornata inizia con 30 minuti di scrittura, poi una serie di esercizi per la schiena e poi una bella colazione. Se già nella prima ora del giorno riesco a gestire il tempo in questo modo e a fare tutte queste attività mi sto spianando la via per una giornata super produttiva, perché mi sono ricaricata con attività importanti per me e che mi fanno sentire che non ho perso tempo.

Imposta il timer per una corretta gestione del tempo

Lo sto facendo anche adesso: ho impostato il timer, ho tagliato fuori tutte le distrazioni, intorno non ho nessuno che mi possa interrompere. Scriverò questo articolo fino al trillo del timer e poi farò una pausa. Se l’articolo non sarà ancora completo, imposterò nuovamente il timer per altri 25 minuti. Ti assicuro che questa tecnica funziona!

L’articolo sulla procrastinazione che potrei procrastinare per altri due mesi, nel giro di un’ora sarà scritto e avrò liberato il mio tempo per fare altro. Alla faccia del perfezionismo e di tutte le paure di non essere all’altezza: questa sì che una corretta gestione del tempo!

Cambia posto e recupera il tempo perso

Devi fare qualcosa di difficile? Stai rimandando quella rogna terribile e ti rifugi nel tuo cantuccio dove nessuno vede se stai caxxeggiando? Scardina questa cattiva abitudine cambiando location! Io alle volte sono un po’ drastica e arrivo a cambiare città per smuovere le acque, ma non c’è bisogno di andare chissà dove.

Scegli un altro posto, bello e che ti ispiri, per fare le cose più faticose/difficili che stai rimandando.

Hai a disposizione una sala riunioni? Puoi andare nel tuo bar preferito? Hai un altro tavolo in casa dove puoi fare la tua postazione anti-procrastinazione? L’importante è che sia un luogo che ti piaccia e ti faccia sentire bene e dove puoi dare il meglio di te. Una volta varcata la soglia, dismetti i panni di Procrastinator e metti il tutino da Action Man/Woman e recupera il tempo perso!

Non spezzare la catena

Stai rimandando un compito lungo che prevede più fasi e di cui non vedi la fine? Distribuisci questo compito su tutti i giorni della settimana (o stabilisci quanti giorni vuoi dedicare a quest’attività) per il tempo che ti serve.

Procurati un calendario oppure stampa questo template e segna con una X ogni giorno in cui completerai ciascuna attività relativa al tuo compito.

Ho preparato questo modello che prevede uno spazio di 12 settimane in cui allenarti a non procrastinare. Puoi iniziare quando vuoi: segna l’attività che vuoi monitorare, segna la data di inizio e la frequenza settimanale.

Tieni sempre a vista questo foglio e osserva i tuoi progressi, pian piano vedrai l’avanzamento del lavoro. Lo scopo di questo gioco è quello di invogliarti a non mollare e continuare a creare la tua catena di X (o di pallini o di cuoricini o di fiorellini), fino al completamento del compito. In questo modo allenerai la costanza e ti sentirai capace di sfidare la tua tendenza a procrastinare.

Eliminare o delegare

Ma quell’attività la devi fare proprio, proprio, proprio tu? Pensaci bene, magari ti convinci che devi farla, che è il tuo dovere, che è il tuo compito, se non lo fai tu chi lo fa bene come te?

Ci sono casi in cui procrastinare serve a indicare che qualcosa non va in relazione a quel compito. Le puoi aver provate tutte, il timer, la location, anche le preghiere, ma non c’è proprio verso di riuscire a portare a casa quel compito senza soffrire enormemente. Allora chiediti: devo proprio farlo? Posso eliminarlo dalle mie attività oppure sostituirlo? Oppure c’è qualcuno a cui posso delegare questo compito per me terribile? Magari la soluzione è dietro l’angolo: basta lasciar andare l’attività per tornare a sorridere!

Hai trovato la tua strategia di time management per non procrastinare? Proverai qualcuna di queste soluzioni? 

Vuoi portarlo nella tua azienda? Contattaci

Abbiamo un modulo della nostra formazione dedicato a questo argomento. Vuoi proporlo alla tua azienda? Contattaci che ci organizziamo!

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
La forza stabilizzatrice di Organizzatessen. Quella brava a guidare le persone, cogliere le sfumature e ascoltarle in modo calmo ed empatico. Ma è anche pragmatica e decisa per capire subito dove è il problema e affrontarlo.

Vuoi restare sempre sul pezzo con i nostri blog post?

Iscriviti alla nostra newsletter: riceverai in regalo il webinar “Organizzati e Felici” e contenuti settimanali per mettere in ordine le tue giornate.

Leggi altri articoli correlati