Quanto è organizzato il tuo team di lavoro?
azienda fantastica

Aziende fantastiche e come crearle

azienda fantastica
azienda fantastica

Tutti sognano di lavorare in un’azienda fantastica. Ma molto spesso questo sogno rimane solo sulla carta perché sembra troppo complicato, costoso o utopistico realizzarlo.

In questo post voglio, invece, suggerirti come trasformare la tua azienda in un’azienda fantastica in modo molto più semplice di quello che credi.

La mia azienda fa schifo

Come descriveresti la tua azienda? Che parole useresti per descrivere il tuo luogo di lavoro? Quali sensazioni provi quando pensi ai tuoi colleghi, alle scadenze, ai progetti?

Nel 90% dei casi, quando faccio queste domande a clienti, conoscenti e amici, il quadro che ne esce è un’immagine cupa, faticosa, demoralizzante. Le parole più usate sono: uno stress, un mortorio, da qualche parte devo lavorare, coltelli che volano, frustrazione, il lavoro fa schifo, il lunedì mattina vorrei spararmi.

Il lavoro è fatica, è sacrificio. Siamo nati per soffrire. Questo ci hanno insegnato. E questo facciamo.

Anche la tua azienda non è propriamente fantastica?

Nella pratica quello che succede in queste aziende sono riunioni inconcludenti che fanno solo perdere tempo, informazioni frammentate, poca chiarezza sui ruoli e sulle mansioni, archivi da panico, scadenze sempre per ieri, tutti in copia conoscenza che non si sa mai.

In generale un clima di sfiducia che giustifica un’organizzazione del lavoro basata sul controllo. Il risultato sono dipendenti con poca motivazione, bassa energia, limitato contributo alla generazione di nuove idee.

Insomma, un sistema che va avanti per inerzia. Finché qualcuno poi non si rende conto che ha una vita sola e che quindi non vale più la pena sprecare tempo in un ambiente senza alcuno stimolo.

Cambiare si può, ma lo devi volere davvero

Io penso che il periodo che stiamo vivendo ci stia offrendo una grande opportunità di rivedere un po’ tutto. E perché non pensare di rivedere l’organizzazione del lavoro nella tua azienda e trasformarla in un’azienda fantastica? La tecnologia galoppa, le informazioni sono ovunque. Con un po’ di chiarezza su cosa si vuole ottenere e un po’ di metodo, si possono cambiare le cose.

Tutte quelle ore passate al lavoro si possono trasformare in energia positiva, stimolo, crescita, entusiasmo.

Questa trasformazione non viene via gratis (nonostante la citazione al film, non esiste la bacchetta magica!) ma è il risultato di un intervento consapevole e mirato che deve partire dal presupposto che tu, titolare d’azienda, direttore generale, manager, team leader, abbia il desiderio ardente di cambiare le cose. Fare la differenza. Sovvertire il mantra del “si è sempre fatto così”. Insomma, volere a tutti i costi creare un’azienda fantastica.

Homo faber fortunae suae, dicevano i latini. E anche tu in azienda, puoi essere l’artefice del tuo destino, del destino dei tuoi collaboratori, che benediranno la “fortuna” di averti incontrato. Perché tutti vogliono lavorare in un’azienda fantastica.

Ci sono tantissimi modi per intervenire e cambiare la rotta, come per esempio lavorare sull’inclusività (nel linguaggio, nelle assunzioni, nel marketing), sulla parità di genere, sulla salute (psicologo aziendale, frutta e verdura al posto delle merendine piene di conservanti). Con Organizzatessen noi ne proponiamo uno molto specifico. E in questa proposta ci crediamo tantissimo: migliorare l’organizzazione delle persone al lavoro per aiutarle a lavorare meglio e magari meno.

Lavorare meglio, lavorare meno

Le persone che lavorano bene sono soddisfatte perché aumenta la qualità del loro lavoro, lavorano seguendo le priorità, senza perdere tempo in attività “fuffa”. Arrivano ai risultati in meno tempo e chiudono la giornata sapendo di aver fatto, bene, tutto quello che dovevano fare.

Lavorare meglio vuol dire migliorare anche il lavoro in team. Vuol dire creare un ambiente di collaborazione e fiducia, dove tutti gli ingranaggi girano lisci e dove lo stress lascia il posto alla proattività e all’entusiasmo.

Lavorare meno agisce sull’equilibrio “vita-lavoro” e permette alle persone di coltivare le proprie passioni fuori dal lavoro.

Lavorare meglio vuol dire che quando si stacca e si chiude la giornata o la settimana di lavoro, il tempo per sé inizia al minuto zero. E inizia con la testa libera così da goderselo pienamente.

Soddisfazioni lavorative e passioni personali alimentano energia e motivazione. Energia e motivazione sono la benzina che accende e alimenta il motore della produttività.

Un’azienda che compie questo percorso di cambiamento attrae e trattiene i talenti, favorisce la nascita di idee nuove, promuove un ambiente stimolante e innovativo.

E alla domanda: come è l’azienda dove lavori? La risposta è: Fantastica!

Vuoi che anche la tua sia un’azienda fantastica? Fissiamo un incontro e studiamo il percorso per crearla!

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
La più tecnologica del gruppo e le piace andare sul pratico. È quella che fa, che propone idee e trova soluzioni. Lavorare con le persone la ricarica ed è qui che dà il meglio di sé. È ironica e ha una simpatia contagiosa.

Vuoi restare sempre sul pezzo con i nostri blog post?

Iscriviti alla nostra newsletter: riceverai in regalo il webinar “Organizzati e Felici” e contenuti settimanali per mettere in ordine le tue giornate.

Leggi altri articoli correlati