Quanto è organizzato il tuo team di lavoro?
abilità organizative

Come migliorare le abilità organizzative dei dipendenti?

abilità organizative
abilità organizative

Quando parlo del mio lavoro mi rendo conto che la maggior parte delle persone pensa che le abilità organizzative o ce le hai o ti arrangi (anzi: arranchi!). Invece le abilità organizzative si possono imparare, allenare e migliorare.

Quindi, se pensi che ormai i tuoi dipendenti siano una causa persa, sappi che ci sono tanti strumenti e metodi per migliorare le loro abilità e competenze organizzative e renderli più efficienti. Perché, in fondo, è questo che vuoi, no? Collaboratori super efficienti, sempre sul pezzo e magari pronti anche a lavorare un’ora in più!

La qualità è più importante della quantità

Se pensi che i tuoi dipendenti siano risorse da spremere e sfruttare fino all’ultimo respiro fermati subito perché questo post non fa per te. Partiamo invece da un altro concetto e cioè che è più importante elevare la qualità del lavoro svolto e preservare le risorse per produrlo, rispetto alla quantità di quello che si produce se il risultato è un prodotto o un servizio di bassa qualità. E un cliente, alla lunga, se ne accorge se quello che gli offri è all’altezza delle sue aspettative o se le delude.

Ti parlo di qualità perché, nella frenesia delle giornate caotiche spese a rincorrere emergenze e imprevisti, è molto facile sacrificare la qualità del lavoro svolto. La conseguenza è un danno a tanti livelli: il cliente finale non sarà contento, tu ti incazzerai e i tuoi dipendenti vivranno la frustrazione di aver corso tanto per un risultato poco più che sufficiente.

Invertire questo meccanismo porta invece a superare le aspettative del cliente e ad avere dipendenti soddisfatti del proprio lavoro innesca un circolo virtuoso di impegno e motivazione che alimenta, a sua volta, un meccanismo win-win.

Come raggiungere questo risultato? Attraverso un’adeguata organizzazione personale dei dipendenti!

L’organizzazione personale è quella competenza che permette a una persona di sapere quali sono le cose importanti da fare, quanto tempo ci mette a farle, dire di “no” quando necessario e portare a termine un lavoro in anticipo rispetto alla data di scadenza, sacrificando eventualmente la quantità in favore della qualità.

Il metodo Organizzatessen per allenare abilità e competenze organizzative

Nel nostro lavoro alleniamo i clienti a migliorare le loro abilità e competenze organizzative e lo facciamo analizzando le abitudini consolidate e studiando quali azioni pratiche si possono introdurre per migliorare la gestione delle proprie attività.

 

Ci sono degli strumenti e dei metodi che possono aiutare i tuoi dipendenti ad essere più efficienti e, allo stesso tempo, a essere più soddisfatti del lavoro svolto. Te ne elenco 5:

  1. Fare la lista delle cose da fare: alla fine di ogni giornata è utile fare l’analisi delle attività che sono rimaste in sospeso e capire perché non sono state portate a termine. Chiudere la giornata scrivendo la lista delle cose da fare il giorno dopo
  2. Chiudere la settimana facendo la stessa analisi ma a livello settimanale. Programmare la settimana successiva a grandi linee e definire quali attività devono essere necessariamente portate a termine
  3. Ricavare nella giornata momenti di concentrazione per svolgere il lavoro senza distrazioni. Si possono creare slot da 25 minuti e avvisare i colleghi che, per quel lasso di tempo, non si accettano interruzioni
  4. Iniziare a misurare quanto ci si mette a fare le cose. Questo dato è fondamentale per capire quanto tempo è necessario a ciascuna risorsa per svolgere le sue attività così da poter fare stime più accurate quando si deve pianificare un’attività simile
  5. Per ogni attività in lista abituarsi a dividere in passi più piccoli. Quest’attività aiuta a stimare meglio i tempi, a pianificare meglio le attività e a procedere per obiettivi più piccoli

Come te la cavi con le tue abilità organizzative?

Con i collaboratori parliamo quindi di strumenti e metodi. Questi strumenti però devono rientrare in un discorso più ampio di cultura e mentalità aziendale.

L’organizzazione generale dell’azienda riflette, infatti, la cultura e la mentalità dei dirigenti e dei manager. A volte, dare il buon esempio è un modo per aiutare i tuoi collaboratori a riflettere sulla propria organizzazione personale e migliorare le proprie competenze organizzative.

Se ti lamenti che i tuoi dipendenti sono sempre in ritardo alle riunioni, che non si capisce chi deve fare che cosa, che la giornata è una rincorsa perenne e non si ha mai tempo per pianificare le attività e chiarire le priorità, analizza prima di tutto il modo in cui tu gestisci le tue giornate. Se anche tu arrivi sempre tardi alle riunioni o se interrompi ogni 5 minuti i tuoi collaboratori, sarà più facile che in azienda regni la cultura della confusione.

So che non c’è mai tempo per fermarsi e fare una fotografia della situazione, tua e dei tuoi collaboratori, ma è un passaggio fondamentale per mettere in atto qualche cambiamento.

Se non vuoi più lamentarti dei tuoi collaboratori e hai bisogno di fare il punto della situazione, prenota la tua consulenza e vediamo insieme come muovere i primi passi per migliorare le abilità organizzative (tue e) dei tuoi dipendenti.

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
La più tecnologica del gruppo e le piace andare sul pratico. È quella che fa, che propone idee e trova soluzioni. Lavorare con le persone la ricarica ed è qui che dà il meglio di sé. È ironica e ha una simpatia contagiosa.

Vuoi restare sempre sul pezzo con i nostri blog post?

Iscriviti alla nostra newsletter: riceverai in regalo il webinar “Organizzati e Felici” e contenuti settimanali per mettere in ordine le tue giornate.

Leggi altri articoli correlati